Ambiente.it è una divisione Terranova
Ambiente.it Logo
  1. News>
  2. Giornata Mondiale Dell Ambiente 2024
News | 5/6/2024

Giornata mondiale dell'Ambiente 2024

Giornata mondiale dell'ambiente

#GenerationRestoration

Non possiamo tornare indietro nel tempo, ma possiamo far crescere foreste, far rivivere le fonti d’acqua e ripristinare il suolo. Siamo la generazione che può far pace con la terra.

Oggi, 5 giugno, è la Giornata Mondiale dell'Ambiente che si celebra dal 1972 e rappresenta il principale veicolo delle Nazioni Unite per incoraggiare la consapevolezza a livello mondiale a favore dell’ambiente.

La giornata del 2024, ospitata dall'Arabia Saudita, si concentra sul ripristino del territorio, sulla desertificazione e sulla resilienza alla siccità.

Secondo la Convenzione delle Nazioni Unite per la lotta alla desertificazione, fino al 40% del territorio del pianeta è degradato, colpendo direttamente metà della popolazione mondiale e minacciando circa la metà del PIL globale (44 trilioni di dollari). Il numero e la durata dei periodi di siccità sono aumentati del 29% dal 2000: senza un’azione urgente, entro il 2050 la siccità potrebbe colpire oltre tre quarti della popolazione mondiale.

Il 2024 segna il 30° anniversario della Convenzione delle Nazioni Unite sulla lotta alla desertificazione.

Sette modi per ripristinare la terra, fermare la desertificazione e combattere la siccità

Spazi naturali come foreste, terreni agricoli, savane e montagne, forniscono all'umanità il cibo, l'acqua e le materie prime di cui ha bisogno per sopravvivere. Tuttavia, più di 2 miliardi di ettari di terra mondiale sono degradati, colpendo più di 3 miliardi di persone. Gli ecosistemi vitali e innumerevoli specie sono minacciati. Potrebbe sembrare un compito insormontabile, non è così, dicono gli esperti. Il 5 giugno, il pianeta celebra la Giornata Mondiale dell'Ambiente 2024 che punta i riflettori su come tutti possono aiutare a porre fine al degrado del territorio. 

"I governi e le imprese hanno un ruolo di primo piano nell'invertire il danno che l'umanità ha fatto alla Terra", afferma Bruno Pozzi, Vice Direttore della Divisione Ecosistemi del Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP). "Ma anche la gente comune ha un ruolo fondamentale" 

Ecco sette modi per essere coinvolti nel ripristino dell'ecosistema nella Giornata Mondiale dell'Ambiente come descritto nella guida pratica We Are #Generation Restoration.

  • Rendere l'agricoltura sostenibile

    A livello globale, almeno 2 miliardi di persone, in particolare delle aree rurali e più povere, dipendono dall'agricoltura per il loro sostentamento. Tuttavia, i nostri attuali sistemi alimentari sono insostenibili e uno dei fattori principali di degrado del suolo. Per limitare questo problema i governi e il settore finanziario possono promuovere l'agricoltura rigenerativa per aumentare la produzione alimentare preservando gli ecosistemi.  

    A tal fine, i governi potrebbero riorientare le sovvenzioni agricole verso pratiche sostenibili e piccoli agricoltori. Le aziende agricole possono sviluppare colture resistenti al clima, sfruttare le conoscenze indigene per sviluppare metodi di agricoltura sostenibili e gestire meglio l'uso di pesticidi e fertilizzanti per evitare di danneggiare la salute del suolo. I consumatori possono seguire diete regionali, stagionali e ricche di piante e includere cibi più rispettosi del suolo nei pasti, come fagioli, lenticchie, ceci e piselli.

  • Salvare il suolo

    Il suolo è l'habitat più biodiverso del pianeta. Quasi il 60% di tutte le specie vive nel suolo e il 95% del cibo che mangiamo è prodotto da esso. Un suolo sano funge da serbatoio di carbonio, bloccando i gas serra che altrimenti entrerebbero nell'atmosfera, svolgendo un ruolo vitale nella mitigazione del clima.  

    Per mantenere il suolo sano e produttivo, i governi e il settore finanziario possono sostenere l'agricoltura biologica e rispettosa del suolo. Le aziende agricole possono utilizzare tecniche che prevedono la coltivazione di colture senza sfruttare il suolo, compost e materiali organici potrebbero essere aggiunti per migliorarne la fertilità. Gli individui potevano fare compost da avanzi di frutta e verdura per l'uso nei loro giardini e vasi di piante da balcone.

  • Proteggere gli impollinatori

    Tre colture su quattro che producono frutta e semi dipendono dagli impollinatori. Le api sono gli impollinatori più prolifici ma ricevono molto aiuto da pipistrelli, insetti, farfalle, uccelli e coleotteri. Nonostante la loro importanza, tutti gli impollinatori sono in grave declino, soprattutto le api.

    Per proteggerli deve essere ridotto l'inquinamento atmosferico, minimizzando l'impatto negativo di pesticidi e fertilizzanti e conservando prati, boschi e zone umide dove prosperano gli impollinatori. Le autorità e gli individui potrebbero aumentare gli spazi verdi nelle città e piantare una varietà diversificata di fiori autoctoni anche nei giardini domestici, questo attirerà uccelli, farfalle e api.

  • Ripristinare degli ecosistemi di acqua dolce

    Gli ecosistemi di acqua dolce sostengono i cicli dell'acqua che mantengono fertile la terra. Forniscono cibo e acqua a miliardi di persone, ci proteggono dalla siccità e dalle inondazioni e forniscono un habitat a innumerevoli piante e animali. Eppure stanno scomparendo a un ritmo allarmante a causa dell'inquinamento, del cambiamento climatico, della pesca eccessiva e della sovraestrazione.

    Le persone possono porre fine a questa situazione migliorando la qualità dell'acqua, identificando le fonti di inquinamento e monitorando la salute degli ecosistemi d'acqua dolce. Le città potrebbero promuovere l'innovazione nella gestione delle acque reflue che contempla il deflusso delle acque piovane e delle inondazioni urbane.

  • Recuperare le zone costiere e marine

    Oceani e mari forniscono all'umanità ossigeno, cibo e acqua, mitigando i cambiamenti climatici e aiutando le comunità ad adattarsi alle condizioni meteorologiche estreme. Più di 3 miliardi di persone, si affidano alla biodiversità marina e costiera per il loro sostentamento.

    Per garantire questa preziosa risorsa per le generazioni a venire, i paesi possono ripristinare gli ecosistemi blu - comprese le mangrovie, le paludi salate, le foreste di alghe e le barriere coralline - applicando nel contempo norme rigorose sull'inquinamento, i nutrienti in eccesso, il deflusso agricolo, lo scarico industriale e i rifiuti di plastica per evitare che si riversino nelle aree costiere. 

    I Paesi potrebbero adottare un approccio basato sul ciclo di vita per riprogettare i prodotti in plastica per garantire che possano essere riutilizzati, riadattati, riparati, riciclati - e, infine, tenuti fuori dall'oceano.

  • Riportare la natura nelle città

    Più della metà della popolazione mondiale vive in città. Entro il 2050, si prevede che due persone su tre vivranno in un centro urbano. Le città consumano il 75% delle risorse del pianeta, producono più della metà dei suoi rifiuti globali e generano almeno il 60% delle emissioni di gas serra. Man mano che le città crescono, trasformano il mondo naturale che le circonda.

    I boschi urbani possono migliorare la qualità dell'aria, fornire più ombra e ridurre la necessità di raffreddamento meccanico. Preservare i canali, gli stagni e altri flussi idrici delle città può alleviare le ondate di calore e aumentare la biodiversità. L'installazione di più tetti e giardini verticali nei nostri edifici può fornire habitat per uccelli, insetti e piante.

  • Generare finanziamenti per il ripristino

    Gli investimenti in soluzioni basate sulla natura devono arrivare a 542 miliardi di dollari entro il 2030 per raggiungere gli obiettivi mondiali in materia di clima, biodiversità e ripristino degli ecosistemi.  

    Per colmare il divario finanziario esistente, i governi potrebbero finanziare attività di ripristino del territorio e soluzioni basate sulla natura. Il settore privato potrebbe integrare il ripristino dell'ecosistema nei propri modelli di business, implementare pratiche efficienti di gestione dei rifiuti e investire in imprese sociali incentrate su agricoltura sostenibile, ecoturismo e tecnologia verde.

terranova

I nostri strumenti per favorire l’uso consapevole delle risorse

La nostra tecnologia influenza a cascata milioni di utenti e il nostro obiettivo non si ferma all’essere sostenibili, ma si estende al guidare i nostri clienti nel loro percorso di sostenibilità, aiutandoli a raggiungere i propri obiettivi ESG. Raggiungiamo questo obiettivo attraverso una tecnologia che abilita una maggiore consapevolezza dell’uso quotidiano delle risorse primarie, favorendo la riduzione degli sprechi.

Siamo fieri di poter dire che le nostre soluzioni garantiscono risultati tangibili e misurabili, con degli impatti in larga scala e a livello globale. Si pensi, ad esempio, agli strumenti per comunicare ai cittadini le azioni per una corretta raccolta differenziata o agli strumenti per una corretta gestione dei diversi materiali nelle lavorazioni di riciclo negli impianti.

Riteniamo fondamentale adottare strumenti e mezzi fondati su tecnologie innovative per promuovere la consapevolezza ambientale, favorire l’accesso e la diffusione di dati relativi all’utilizzo delle risorse e alle performance ambientali quali basi per ispirare in ogni persona comportamenti sostenibili e consapevoli, con particolare riguardo all’utilizzo di risorse limitate, quali energia, acqua e capacità di gestione dei rifiuti.

PROGETTO WASTE MANAGEMENT
Grazie ai nostri software 2.000.000 di famiglie in Italia ricevono supporto nel processo di differenziazione, grazie anche a Junker, APP per mobile sviluppata dalla nostra controllata Giunko. Grazie alle applicazioni sviluppate insieme ai nostri partner di filiera, Arcoda e Sartori Ambiente, l’Utility è in grado di fare misurazioni accurate dei conferimenti, in modo da fornire all’operatore di backoffice gli elementi per l’applicazione di tariffe puntuali, TARIP, che premiano i comportamenti virtuosi del cittadino. Il cittadino ha inoltre a disposizione un portale per la visualizzazione dei propri dati: questo contribuisce ad aumentare la consapevolezza delle proprie abitudini di conferimento e ridurre la componente non differenziata dei propri rifiuti.

SCOPRI DI PIù

FIELD SERVICE MANAGEMENT
Per i settori di Distribuzione e Servizio Idrico offriamo soluzioni che permettono di ottimizzare le attività del team operativo, che può così pianificare efficientemente le agende e i percorsi dei mezzi su strada. Questo ha un impatto diretto e misurabile in termini di riduzione di CO2. Con le nostre soluzioni gli operatori di campo trovano inoltre migliori condizioni di soddisfazione e sicurezza nello svolgimento della propria attività, in linea con le politiche di welfare dei nostri clienti.

TWFM consente di registrare e archiviare tutte le informazioni relative alle dispersioni rilevate, compresi i dati relativi alla localizzazione, classificazione ed eliminazione richiesti dalla raccolta annuale ARERA sui dati di sicurezza e continuità. Questo ha permesso di tenere traccia di tutte le dispersioni individuate e di monitorare l'andamento delle stesse nel tempo, individuando eventuali problemi ricorrenti e attuando interventi preventivi per ridurre il rischio di dispersioni future, contribuendo a migliorare la sicurezza complessiva della rete.

SCOPRI DI PIù

SMART GAS NETWORK
Per il settore Gas, le nostre soluzioni supportano le aziende nel monitoraggio dei terminali di rete, al fine di verificare che l’andamento delle pressioni sia compreso tra i 19 e i 32 mbar nelle reti non stabilizzate. Tale requisito, che soddisfa i requisiti normativi imposti dalla Delibera 569/19, contribuisce a ridurre le pressioni d’esercizio e, di conseguenza, le emissioni di gas serra nell’atmosfera. In continuità con il nostro progetto Life13, finanziato dell’UE e finalista ai LIFE Awards 2019, il monitoraggio delle pressioni effettuato grazie alle nostre soluzioni è la chiave principale per garantire effetti positivi sull’ambiente: gestire una rete alla pressione ottimale limita sensibilmente le perdite fisiologiche (fino al 7%) che accrescono all’aumentare della pressione. Inoltre, mantenere la pressione al livello ottimale garantisce l’allungamento della vita degli asset, grazie all’abbassamento dello stress sugli stessi.

Il progetto di Terranova, quindi, si prefigge come scopo principale la diminuzione delle pressioni di gestione della rete fino ad una soglia minima utile a non interrompere l’erogazione del servizio e, allo stesso tempo, eliminare il rischio di situazioni di pericolo per i terminali di rete. La traduzione automatica di questi due obiettivi è l’enorme risparmio di materia prima e la riduzione delle emissioni di gas serra (il metano ha un potere inquinante circa 70 volte superiore alla CO2). Infine, il monitoraggio delle reti di bassa pressione assicura uno screening continuo e costante, in grado di evidenziare tempestivamente le situazioni critiche che possono presentarsi nella rete e, pertanto, mantenerle sicure.

SCOPRI DI PIù

SMART GRID PER SERVIZIO IDRICO
Nel Settore Idrico forniamo strumenti dedicati alla manutenzione della rete, volti a contrastare fenomeni di dispersione che inaspriscono eventi come l’emergenza idrica, oltre a provocare grossi danni ambientali. Uno dei focus principali del 2022 è stato il calcolo delle perdite idriche percentuali lineari, finalizzato al macro-indicatore M1. Per ottenere performance sempre migliori per questo indicatore, a cui è correlata una diminuzione delle perdite idriche, le attività programmate e realizzate dalle aziende riguardano molteplici ambiti, tra i quali, ovviamente, l’adozione di contatori smart e le relative soluzioni per telegestirli.

Dai dati ricavati, è valutato, per l’appunto, l’indice M1 relativo alle perdite, che concorre, secondo la Del. 617/2017, ad una classifica dei gestori e relativo premio per i più virtuosi. Tale meccanismo spinge le aziende a migliorarsi sempre di più tramite obiettivi progressivi e i progetti sviluppati da Terranova contribuiscono in maniera fondamentale una gestione più virtuosa e sostenibile delle risorse idriche. Attraverso le nostre tecnologie vengono inoltre ridotte le dispersioni di gas metano nell’ambiente che hanno impatti 40 volte superiori alle equivalenti emissioni di CO2.

SCOPRI DI PIù

Sostenibilità

Siamo in grado di offrire queste soluzioni che abilitano la sostenibilità dei nostri clienti, e di conseguenza dei clienti dei nostri clienti, grazie ad un grande lavoro di Ricerca e Sviluppo, collaborazioni con università e promozione dello sviluppo delle nostre persone.

Potrebbe interessarti anche...

17/4/2024

PlaNet Green Cup: una sfida all'insegna della sostenibilità

Leggi di più
Condividi sui social Facebook Whatsapp
Contattaci

Contatti

Ti abbiamo incuriosito? Scrivici!

Saremo felici di approfondire le tue necessità e capire come possiamo diventare il partner ideale per le esigenze di digitalizzazione, innovazione e sostenibilità del tuo business.